Dott. Consolazione Urologo


UROLOGO A TRAPANI
Lawyer
Vai ai contenuti
Riceve per appuntamento presso:

Ambulatorio di Via Trento 1 Casa Santa- Erice
( martedì  8.30 - 12.30 / 16.30 - 18.30
giovedì 8.30 - 12.30  )
cell. 3713752617

Poliambulatorio Garaffa via Fardella 117  
( venerdì ore 16.00 - 19.00)
tel. 092322431  -  3246870080


Dott. Giovanni Consolazione
Specialista in Urologia



INCARICHI PROFESSIONALI

Il dott. Giovanni Consolazione si è laureato presso il Policlinico di Messina dove si è anche specializzato  in Urologia con 50/50  e lode.
Ha frequentato uno stage di 3 anni presso la Divisione di Endourologia  del Policlinico di Monza dove si è perfezionato nella Chirurgia Mininvasiva e Percutanea Renale e dove ha ricoperto anche il ruolo di  Aiuto Primario.
Ha ricoperto il ruolo di Responsabile dell' U.O. di Urologia presso la Clinica Romolo Hospital di Crotone e successivamente presso la Casa di Cura Sant'Anna di Erice,
E' stato consulente per la Chirurgia Endoscopica e Mininvasiva presso la Clinica Carmona di Messina e la Casa di Cura Regina Pacis di San Cataldo ( CL )
Ha ricoperto per 3 anni il ruolo di Urologo  libero professionista presso la Casa di Cura Villa dei Gerani di Erice
Attualmente esercita la propria professione di Urologo presso la Casa di Cura Sant'Anna di Erice
TRATTAMENTO DELLA CALCOLOSI RENALE E URETERALE

In quest'epoca di continua " rivoluzione tecnologica  " il Reparto di Urologia della Casa di Cura Sant'Anna intende proporsi all'Utenza e al Medico di base con proposte terapeutiche alternative d'avanguardia. maturate negli anni precedenti e confortate da una seria revisione dei risultati  ottenuti.
Nell'ambito di queste metodiche, l'innovazione per la Clinica Sant'Anna grazie all'esperienza maturata dal dott. Consolazione presso il Policlinico di Monza è il trattamento mini-invasivo della calcolosi
reno-ureterale,  con l'applicazione di metodiche endourologiche quali l'uretero-renoscopia e la litotrissia per via percutanea di calcoli renali a stampo ma anche la litotrissia extracorporea ( ESWL )


Cos' è cambiato nel corso degli anni:

           - Lo strumentario
           - Il trattamento endoscopico della calcolosi

Ovviamente il trattamento di litotrissia extracoroporeo ( ESWL ) lo riserviamo a calcoli renali delle dimensioni inferiori ai 2 centimetri.

Per calcoli superiori ai 2 centimetri sino a calcoli a stampo renali il dott. Consolazione esegue  interventi di Chirurgia Percutanea, che ha il vantaggio rispetto la Chirugia tradizionale di essere mininvasiva infatti
tramite un pertugio che va da pochi millimetri per la MINI-PERCUTANEA a circa un centimetro per la CHIRURGIA PERCUTANEA  si raggiunge il rene, si frantumano i calcoli e si estraggono con l'ausilio di piccoli strumenti ad alta precisione.

Per i calcoli renali dove il trattamento di litotrissia extracorporea ( ESWL ) non è risolutivo per la durezza del calcolo o perchè trattasi di calcolo situato in un calice inferiore il dott. Consolazione si avvale di un'altra metodica endourologica innovativa ( RIRS ) -- RETROGRADE INTRARENAL SURGERY, in cui sfruttando le vie naturali introduce un ureteroscopio flessibile dall'uretere sino al rene e dopo aver eseguita una accurata pieloscopia dei calici renali esegue una lasertrissia con risoluzione del caso.

Per i calcoli ureterali dove la litotrissia extracorporea fallisce o per calcoli radiotrasparenti eseguiamo interventi di ureteroscopia con litotrissia ( bombardamento dei calcoli in visione diretta ed estrazione dei frammenti con pinze dedicate ). Questa tecnica si esegue senza incisione chirurgica.
                                
                                                                                     VANTAGGI

-- Interventi senza taglio,
-- Mininvasivi,
-- Assenza di punti di sutura nell'ureteroscopia e nelle RIRS ed un solo punto di sutura nella chirurgia percutanea.

                                                                                     DIMISSIONI

--2 giorni per interventi di URETERORENOSCOPIA nella calcolosi ureterale e nelle RIRS per i calcoli renali

-- circa 4 giorni per gli  INTERVENTI DI CHIRURGIA PERCUTANEA nella calcolosi renale.
Video dell'intervento di chirurgia percutanea per un calcolo renale a stampo

CICATRICE MINIPERCUTANEA (CALCOLO RENALE DI 2 CM)
VIDEO DI UNA RIRS PER CALCOLO RENALE
TRATTAMENTO DELL' IPERTROFIA PROSTATICA E DEI TUMORI VESCICALI
Per quanto concerne gli interventi delle basse vie urinarie ( tumori vescicali e grossi adenomi prostatici ),
il dott. Consolazione li esegue per via endoscopica avvalendosi di resettori bipolari.
Nei pazienti con alto rischio cardio-circolatorio e in quelli relativamente giovani che non possono affrontare una degenza post operatoria per motivi lavorativi propone la TEMPRO (Termoterapia prostatica)
E' un trattamento termico mediante la radiofrequenza, è efficace e preciso. La procedura è breve e semplice.
                                                          VANTAGGI:
-- viene eseguita senza anestesia perchè è indolore
-- dopo il trattamento si è in grado di riprendere sin da subito la vita di relazione e lavorativa perchè non necessita di ricovero ospedaliero.

TRATTAMENTO DI CALCOLI VESCICALI
Per quanto riguarda i calcoli vescicali viene prediletta la via naturale anatomica.
Si introduce un nefroscopio dall'uretra in vescica con successiva lasertrissia dei calcoli vescicali e la rimozione dei frammenti con pinze dedicate.
Se i calcoli vescicali dovessero risultare di DIMENSIONI NOTEVOLI; per evitare un intervento chirurgico tradizionale il dott. Consolazione predilige eseguire un intervento mininvasivo dove viene introdotto per via sovrapubica mediante un trokar una camicia di amplaz in vescica e a quel punto introducendo un nefroscopio viene eseguita una lasertrissia dei voluminosi calcoli vescicali con risoluzione del caso.
I VANTAGGI DI QUESTA TECNICA DI CISTOLITOTRISSIA PERCUTANEA SOVRAPUBICA RISPETTO ALLA CHIRURGIA TRADIZIONALE HA IL VANTAGGIO  CHE IN QUESTO CASO IL PAZIENTE VIENE DIMESSO DOPO  DUE GIORNI CON UN SOLO PUNTO DI SUTURA SULLA CUTE CHE GLI VERRA' RIMOSSO DOPO UNA SETTIMANA DAL PROPRIO MEDICO DI FAMIGLIA.

                               TRATTAMENTO PER LA DISFUNZIONE ERETTILE ( Li-ESWT )
I problemi di erezione possono colpire uomini di ogni età con un impatto negativo sul rapporto di coppia e la vita sessuale.
Molteplici effetti positivi delle onde d'urto sono stati documentati dalla scienza medica negli ultimi anni.
Nel trattamento della disfunzione erettile in particolare, l'impiego delle onde d'urto ha generato notevoli miglioramenti della microcircolazione associati alla formazione di nuovi vasi sanguigni nel pene.
La cura è somministrata presso il proprio ambulatorio senza impiego di anestesia.
L'applicazione è indolore e dura circa 20 minuti.
E' importante sottolineare che  non sono stati registrati effetti collaterali e quindi è indicato anche per i pazienti cardiopatici.
Il maggior vantaggio della terapia consiste nella possibilità di recuperare l'erezione spontanea, inoltre tale terapia è attualmente l'unica sul mercato con potenzialità curative.
Il protocollo di trattamento comprende 8 applicazioni, tipicamente a cadenza bi-settimanale.
In conclusione il trattamento con le onde d'urto è indolore, veloce , non invasivo, ben tollerato e assolutamente sicuro. In nessuno dei pazienti in cui è stato utilizzato si sono verificati effetti collaterali e pertanto non esistono situazioni in cui l'applicazione delle onde d'urto a livello penieno possa essere pericolosa o controindicata.
Inoltre trova indicazione anche nel dolore delle prostatiti abatteriche risolvendone la sintomatologia algica.
Il protocollo di trattamento comprende 6 trattamenti in regione perinale con cadenza settimanale.


                                                                        CISTOSCOPIA  

E'  un esame endoscopico, eseguito a livello ambulatoriale, che permette di visualizzare la parte interna della vescica e dell'uretra, ovvero il tratto che collega la vescica con l'esterno. Può essere eseguita sia per gli uomini che per le donne usando uno strumento rigido o anche flessibile  (cistoscopio).
A cosa serve e come si esegue la cistoscopia?
La cistoscopia consente di individuare patologie a carico della vescica e dell’uretra come calcoli, polipi, diverticoli o tumori, restringimenti che causano un ostacolo alla minzione.

L’urologo può prescriverla per indagare a fondo le cause di alcuni disturbi, come la presenza di:

sangue nelle urine;
dolore pelvico cronico;
infezioni urinarie ricorrenti;
minzione dolorosa;
ritenzione o incontinenza urinaria;
vescica iperattiva;
segni di ingrossamento della prostata e nei casi in cui esami precedenti facciano sospettare l'esistenza di calcoli o lesioni tumorali.

La cistoscopia rigida, più che la flessibile, può causare un leggero fastidio, soprattutto negli uomini che hanno una uretra lunga. Per questo, prima dell'esame, l'anestesista esegue una sedazione cosciente.
L'esame dura circa 5 - 10 minuti. Si può riprendere la vita quotidiana immediatamente dopo.

                                          
                                                            UROFLUSSOMETRIA

L’uroflussometria è un esame molto semplice, non invasivo che permette di studiare il flusso dell’urina. È forse l’esame più utile perché può evidenziare se è presente un’ostruzione significativa nell’urinare oppure no.
È quindi un esame indicato soprattutto in presenza di sintomi che possano far supporre un problema che alteri il flusso di urina. Per esempio: getto debole, prolungato gocciolamento post-minzionale, frequenza e urgenza minzionale, incontinenza urinaria, sensazione di svuotamento vescicale incompleto.

Come si esegue l’uroflussometria
È un esame assolutamente non invasivo e indolore. Consiste nell’urinare in un contenitore speciale, simile a un imbuto, connesso a una strumentazione (uroflussometro), che misura la quantità di urina emessa nell’unità di tempo. II comportamento del getto urinario viene visualizzato sotto forma di un tracciato, che permette di capire se c’è un ostacolo al flusso urinario.

Per rendere l’esame attendibile, è necessario arrivare al momento del test con un moderato desiderio di urinare, infatti una minzione che richiede di essere forzata o l’emissione di una quantità di urina eccessiva potrebbe falsare l’esame.

II paziente dovrebbe pertanto bere una quantità d’acqua tale da creare uno stimolo fisiologico, ma senza esagerare. Solitamente viene consigliato di bere (dopo aver urinato) più o meno 1 litro d’acqua 1 ora prima del test.

Al termine dell’uroflussometria, viene solitamente eseguita un’ecografia della vescica per valutare se vi è rimasta ancora dell’urina (cosiddetto “residuo post-minzionale”).

L’esame dura circa un quarto d’ora.


PER PRENOTARE UNA VISITA RIVOLGERSI ALLA SEGRETARIA
Cell.  3713752617
                                                            

DISPOSITIVO MEDICO DEDICATO ALLA TERAPIA PER LA DISFUNZIONE ERETTILE
Dott. Giovanni Consolazione
Casa di cura Sant'Anna
Via Sant'Anna n.34 Casa Santa Erice
tel. 0923 557211

Created with WebSite X5
Torna ai contenuti